Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati

Notizie dal Comune

ASP MUZI BETTI: INTERPELLANZA DI ANDREA LIGNANI MARCHESANI (FRATELLI D'ITALIA) PER INDIVIDUARE LE RESPONSABILITÀ DELL'EMERGENZA DA COVID-19
consiglio
11.01.2021 -

“Creare una commissione d'inchiesta speciale sull’Asp Muzi Betti ai sensi dell'art.19 bis del regolamento del consiglio comunale o individuare altri strumenti similari, come una commissione d'indagine o audizioni nelle commissioni competenti, previsti dal regolamento medesimo, promuovendo a tal fine un accordo in consiglio comunale”. E’ l’istanza che il capogruppo di Fratelli d’Italia Andrea Lignani Marchesani sottopone in una interpellanza al sindaco Luciano Bacchetta “con la finalità, non di trovare capri espiatori, ma di individuare una filiera delle responsabilità che prevenga fatti simili per il futuro, preservi ed implementi un patrimonio della nostra comunità tifernate”. “I 100 positivi al Covid-19 registrati all'Asp Muzi Betti, tra personale ed ospiti della struttura, emersi nei giorni scorsi hanno determinato emozione ed un giustificato allarme nella comunità cittadina”, evidenzia l’esponente della minoranza consiliare, nel ricordare che “la Muzi Betti è stata fino al mese scorso portata ad esempio virtuoso da parte di membri dell'amministrazione comunale per la completa assenza di contagi, mettendo a contraltare le enormi criticità nelle rsa del Nord Italia ed evidenziando i due modelli differenti di gestione dei servizi sociali e della sanità”. “E’ evidente come l'impatto violento del virus non consenta giudizi netti, estremizzazioni e stereotipi smentiti clamorosamente dai fatti”, puntualizza Lignani Marchesani, nell’evidenziare che “i primi positivi nella struttura dell'Asp si sono riscontrati circa dieci giorni prima della diffusione esponenziale degli ultimi giorni di dicembre”. In questo contesto, il capogruppo di Fratelli d’Italia ricorda che “in un'audizione in terza commissione consiliare regionale i responsabili della Asp, nel porre le loro richieste di adeguamento dei finanziamenti e delle tariffe, avevano evidenziato carenze nelle dotazioni e nei dispositivi di protezione individuale per il personale” e richiama l’attenzione sul fatto che “troppe visite ed eventi di carattere socio-istituzionale si sono verificate nei giorni antecedenti alla diffusione del COVID-19 all'interno della struttura”.

 


Condividi