Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati

Notizie dal Comune

GESTIONE DELLE APERTURE DEI CENTRI COMMERCIALI NELL'EMERGENZA DA COVID-19: INTERROGAZIONE DI BUCCI E ARCALENI (CASTELLO CAMBIA)
consiglio
09.01.2021 -

 

Con una interrogazione i consiglieri comunali Castello Cambia Vincenzo Bucci ed Emanuela Arcaleni chiedono di sapere se il sindaco Luciano Bacchetta “escluda di aver danneggiato la comunità, sia in termini di rispetto delle regole sanitarie, che di quelle della libera concorrenza” in relazione alle aperture dei centri commerciali, a norma del Dpcm 03.12.2020, con particolare riferimento alla vicenda del centro commerciale “Il Castello”. I rappresentanti della minoranza intendono “conoscere nel dettaglio le modalità con le quali sindaco, assessorato competente e comandante della Polizia Municipale hanno gestito tale situazione nei mesi di novembre e dicembre 2020”. In questo contesto Bucci e Arcaleni avanzano l’istanza di “convocare una commissione, invitando gli operatori del Centro ‘Il Castello’ ad esporre le ragioni della loro grave protesta” e chiedono che il sindaco riferisca sulla vicenda in consiglio comunale, fornendo ai componenti dell’assise “tutta la documentazione che ha caratterizzato la gestione del Dpcm, con le comunicazioni del prefetto e gli interventi di controllo effettuati nelle strutture a cui è stata consentita l’apertura dei negozi, in riferimento anche all’esposto avanzato dal centro commerciale ‘Il Castello’”. Nel far riferimento alle notizie  di  cronaca  del  1  gennaio  2021 e alla “gravissima situazione” denunciata dagli operatori del centro commerciale ‘Il Castello’, per i quali “a partire dal 16 novembre, anche  a  causa  della  condotta  omissiva  assunta  dal  Comune  di  Città  di  Castello,  alla  già  grave  e complessa  emergenza  legata  al  Covid-19  si  sono  sommati  i  rilevantissimi  danni  economici determinati  da  chi  ha  consentito  che  centri  commerciali  e  strutture  unitarie  concorrenti,  nelle giornate festive e prefestive dei mesi di novembre (dal 16) e dicembre rimanessero illegittimamente aperte”, i consiglieri di Castello Cambia ritengono indispensabile “conoscere  la  realtà  delle  cose,  poiché,  se  rispondessero  al  vero le  dichiarazioni riportate, sarebbe molto grave per la nostra comunità, sia in termini di rispetto delle regole sanitarie, sia di quelle della libera concorrenza”. Per chiedere conto dell’accaduto Bucci e Arcaleni citano il confronto sulla questione tra il comandante della Polizia Municipale Joselito Orlando e il prefetto della Provincia di Perugia e la nota dello stesso prefetto del 28 dicembre, dai quali è emersa l’indicazione circa la chiusura di tutte le attività presenti all’interno di strutture che si configurano come unitarie o all’interno di centri commerciali. “Secondo gli operatori de ‘Il Castello’, a seguito di loro segnalazioni e richieste di intervento, sia  scritte  che  verbali,  inviate  al  Comune  di  Città  di  Castello,  ‘fondate  sull’infrazione  delle previsioni del Dpcm che imponeva l’obbligo di chiusura da parte di alcune attività commerciali della città, non è scaturito alcun intervento o provvedimento’”, riferiscono gli esponenti della minoranza consiliare, nell’evidenziare come dagli stessi operatori sia stato lamentato “un enorme danno commerciale ed economico a causa della contemporanea  apertura degli  esercizi  commerciali  vicini  e  direttamente  concorrenti, segnalata dagli stessi operatori come ‘illegittima, nelle giornate del 24 e 27 dicembre’”. Per Bucci e Arcaleni merita un chiarimento anche il fatto che gli operatori del centro commerciale “Il Castello” abbiano denunciato un notevole afflusso di persone verso gli esercizi aperti, “facendo  intendere – osservano i consiglieri - il generarsi  di  numerose  situazioni  di  assembramento, e  che  quindi ‘in  giorni  di  grave emergenza per  la  salute  pubblica  a  Città  di  Castello  veniva  consentito  a  questi  centri commerciali  di  rimanere  aperti  e  di  effettuare  in  regime  di  monopolio  tutte  le  vendite prenatalizie a discapito degli operatori corretti’”.

 


CittàdiCastelloNotizie- Agenzia stampa del Comune di Città di Castello
Condividi