Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati

Notizie dal Comune

Covid-19, sindaco Bacchetta: continua la discesa dei contagi: ieri 4 guarigioni e nessun nuovo caso di positività, 22 i cittadini attualmente in isolamento. Grazie alle forze dell'ordine per il presidio del territorio con la Polizia Municipale
Bacchetta 77
25.06.2021 -

_________

Covid-19, sindaco Bacchetta: continua la discesa dei contagi: ieri quattro guarigioni e nessun nuovo caso di positività, 22 i cittadini attualmente in isolamento. Grazie alle forze dell’ordine per il presidio del territorio con la Polizia Municipale.

 

“Continua la discesa dei contagi da Coronavirus a Città di Castello, perché ieri abbiamo avuto quattro guarigioni e nessun nuovo caso di positività”. E’ quanto dichiara il sindaco Luciano Bacchetta, aggiornando a 22 il numero dei concittadini attualmente in isolamento contumaciale per Covid-19. “I numeri testimoniano ulteriormente che i tifernati continuano a rispettare le disposizioni, anche se è comprensibile che ci sia voglia di liberarsi di restrizioni con cui conviviamo da tantissimo tempo”, rileva il primo cittadino, nel ribadire “l’importanza di osservare le precauzioni raccomandate”. “L’amministrazione comunale sta facendo la propria parte per tornare a offrire le iniziative pubbliche che consentano la ripresa della socialità e dell’economia”, sottolinea Bacchetta, rimarcando il “ringraziamento alle forze dell’ordine, che insieme alla Polizia Municipale, stanno assicurando il necessario presidio dei luoghi principali della città e del territorio”.

___________________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri un nuovo positivo e due guariti, ma il dato significativo è che in una settimana esatta abbiamo dimezzato i contagiati, che sono attualmente 26.

 

“Ieri abbiamo avuto un nuovo caso di positività al Covid-19 e due guarigioni, ma il dato veramente significativo è che in una settimana esatta abbiamo dimezzato i contagiati a Città di Castello, che sono attualmente 26”. A dichiararlo è il sindaco Luciano Bacchetta, nell’osservare come “ci siano le condizioni per vivere con maggiore serenità l’estate che è appena iniziata”. “Il senso civico ci deve guidare ad adottare ancora le necessarie precauzioni, ma è giusto avere fiducia nel fatto che la campagna di vaccinazione possa portarci fuori dall’emergenza e che ci possa essere un post-Covid all’insegna della ripresa di tutte le attività sociali ed economiche penalizzate in questi mesi”, sottolinea il primo cittadino. “Le iniziative pubbliche che stanno tornando in città, come l’apertura dei negozi stasera e l’allestimento di Retrò domenica, ci invitano a un recupero dei luoghi cittadini che certamente ci possiamo e ci dobbiamo permettere, salvaguardando però tutte le misure a tutela della sicurezza e della salute pubblica”, puntualizza Bacchetta, ricordando che ci sono ancora prescrizioni da rispettare, tra cui le disposizioni dell’ordinanza numero 108 del 18 giugno 2021, che fino al 5 luglio dispone limitazioni in materia di vendita e somministrazione di bevande alcooliche, utilizzo di contenitori di vetro e lattine nel centro storico.

________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri un nuovo positivo e due guariti, ormai poco più di 30 i tifernati contagiati. Imminente la rimozione dell’obbligo della mascherina all’aperto: continuiamo ad adottare buonsenso e rispetto per il prossimo. 

“Ieri a Città di Castello abbiamo avuto un nuovo positivo e due guariti”. A renderlo noto è il sindaco Luciano Bacchetta, nel sottolineare come “i numeri impercettibili non diano modo di fare particolari valutazioni, ma solo di prendere atto ulteriormente che la pandemia sia in forte attenuazione, con ormai poco più di 30 tifernati attualmente contagiati”. “Il virus c’è ancora e non dobbiamo mai sottovalutarlo, ma si può dire che il combinato disposto tra la bella stagione e l’incidenza della vaccinazione permetta indubbiamente di guardare con ritrovata serenità alla nostra quotidianità”, osserva il primo cittadino, che invita i tifernati a “continuare ad attenersi alle disposizioni per il contenimento della pandemia”. “Si parla di rimuovere l’obbligo della mascherina all’aperto dal prossimo 28 giugno, un segnale significativo che va ancora più avanti nella direzione del ritorno alla normalità, ma buonsenso e rispetto per il prossimo ci dovranno portare a usare responsabilmente questo dispositivo di protezione individuale nelle modalità e nelle situazioni che verranno indicate”, afferma Bacchetta.

________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri un nuovo positivo a fronte di 9 guarigioni, siamo sotto quota 40 contagiati. Rispetto delle regole e comportamenti responsabili: ci saranno controlli di Polizia Municipale e forze dell’ordine.

 

“Anche quella di ieri è stata una buona giornata sul fronte del Covid-19, perché abbiamo avuto un nuovo caso di positività a fronte di nove guarigioni”. Lo rende noto il sindaco Luciano Bacchetta, annunciando “l’abbattimento anche del muro dei 40 contagiati a Città di Castello, grazie alle numerose guarigioni registrate negli ultimi giorni”. “Ci sono le condizioni per guardare con maggiore fiducia all’evoluzione della pandemia”, osserva il primo cittadino, prendendo atto che “l’allentamento delle restrizioni stia andando di pari passo con il miglioramento della situazione legata alla circolazione del Covid”. “Quello che è importante ora è che la vaccinazione proceda spedita, perché i fatti dimostrano la sua incisività sulla possibilità del virus di circolare”, sottolinea Bacchetta, ribadendo l’invito a “non abbassare la guardia e conservare la necessaria attenzione al rispetto delle prescrizioni che riguardano uso della mascherina e rispetto delle distanze interpersonali”. “Dobbiamo anche rimarcare il fatto che il ritorno alla normalità e il recupero degli spazi e dei luoghi della socialità debbano necessariamente caratterizzarsi per comportamenti improntati al senso civico e al rispetto delle regole della convivenza”, chiarisce il sindaco, sottolineando, rispetto ai fatti di cronaca registrati recentemente nel centro storico, che “le esigenze di lavoro degli operatori commerciali e degli esercizi pubblici, il ritorno graduale alla normalità e la convivenza civile vadano salvaguardati, pensando che ognuno debba responsabilmente fare la propria parte”. Bacchetta ricorda quindi “che è in vigore l’ordinanza numero 108 del 18 giugno 2021 che fino al 5 luglio dispone limitazioni in materia di vendita e somministrazione di bevande alcooliche, utilizzo di contenitori di vetro e lattine” e che “la Polizia Municipale e le forze dell’ordine effettueranno nelle ore serali controlli nel centro storico cittadino finalizzati alla verifica dell’osservanza delle normative vigenti anti-Covid e alla tutela della sicurezza”.

___________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: anche ieri nessun nuovo positivo, a fronte di 7 guarigioni: meno di 50 i tifernati contagiati. Fondamentale che la disponibilità di vaccini venga assicurata anche nelle prossime settimane per prime somministrazioni e richiami

 

“Anche quella di ieri è stata una giornata decisamente buona, perché a Città di Castello continuiamo a non registrare casi di nuova positività, mentre le guarigioni sono state sette”. E’ quanto dichiara il sindaco Luciano Bacchetta, nel dare notizia “che sono ormai meno di 50 i tifernati attualmente contagiati”. “Ci sono indubbiamente sollievo e fiducia di fronte all’andamento della pandemia, sul quale incide in maniera evidente la campagna di vaccinazione, che sta proseguendo a pieno regime anche nel nostro territorio”, osserva il primo cittadino. “Auspichiamo che i quantitativi di vaccino necessari, nel recentissimo periodo adeguati alle esigenze, siano garantiti anche nelle prossime settimane per le prime somministrazioni e per i richiami”, sottolinea il sindaco, ribadendo “l’invito a continuare ad adottare comportamenti responsabili nella riappropriazione degli spazi di socialità che la bella stagione e l’allentamento delle prescrizioni favoriscono, indossando la mascherina e rispettando le distanze interpersonali”. “Città di Castello sta riscoprendo le iniziative pubbliche che danno importanti segnali di fiducia e di ripresa, ma è fondamentale non dimenticare che la costruzione del percorso verso il ritorno della normalità chiama in causa anche il senso civico di ognuno di noi”, puntualizza Bacchetta.

____________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri nessun nuovo positivo e due guariti, i tifernati contagiati ormai sono circa 60. fondamentale che il recupero della libertà e degli spazi di socialità avvenga in modo civile e nel rispetto delle regole.

 

“A Città di Castello anche ieri non abbiamo registrato alcun nuovo positivo al Covid-19, mentre ci sono state due persone guarite”. Lo comunica il sindaco Luciano Bacchetta, “prendendo atto di numeri che continuano a essere favorevoli e ad abbassare ulteriormente il totale dei tifernati contagiati, ormai una sessantina”. “La ritrovata libertà dovuta alla zona bianca e alla fine del coprifuoco, in presenza di un andamento della pandemia confortante, ci restituiscono a spazi di socialità per troppo tempo abbandonati che ora stiamo finalmente riscoprendo – osserva il primo cittadino – ma dobbiamo avere la consapevolezza che il percorso di ritorno alla normalità ci chiama tutti in causa, sia dal punto di vista del rispetto delle prescrizioni ancora vigenti sull’obbligo di indossare la mascherina e di rispettare il distanziamento interpersonale, sia dal punto di vista dell’adozione di comportamenti civili e responsabili”. “Ecco perché facciamo appello a una riappropriazione dei luoghi cittadini corretta e rispettosa, fondamentale per guardare alle iniziative pubbliche che torneranno, come è giusto che sia, con l’aspettativa di farne occasioni importanti di ripresa della vita sociale e delle attività economiche della nostra comunità”, sottolinea Bacchetta. 

________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri nessun nuovo positivo e un guarito: essere sotto quota 70 contagiati è confortante, ma vanno adottate tutte le precauzioni ancora necessarie. Vicini agli studenti chiamati a sostenere gli esami di terza media e di maturità. 

 

“Ieri a Città di Castello non è stato registrato alcun nuovo positivo, mentre c’è stata la guarigione di una persona”. E’ così che il sindaco Luciano Bacchetta aggiorna la situazione del Covid-19, prendendo atto di “dati numerici chiaramente impercettibili, ma che danno continuità a una stabilità dell’andamento della pandemia certamente confortante”. “Essere arrivati sotto quota 70 contagiati deve essere motivo di fiducia nella possibilità concreta di lasciarci alle spalle la pandemia e tutto quello che ha comportato per la nostra vita, ma questo dato deve farci anche mantenere la giusta consapevolezza che il virus continua a circolare e che è necessario rispettare in maniera convinta tutte le precauzioni ancora necessarie”, sottolinea il primo cittadino, nel rinnovare “l’auspicio che il significativo ritmo raggiunto nelle ultime settimane dalla vaccinazione anche nel nostro territorio permetta di trainare la comunità tifernate verso quella normalità che per tanti mesi è stata una luce lontana in fondo al tunnel e ora è finalmente molto vicina”. “Voglio dedicare un pensiero agli studenti chiamati in questi giorni a sostenere gli esami di terza media e l’esame di maturità, che vengono da due anni scolastici molto difficili e ai quali vanno il nostro incoraggiamento, la nostra vicinanza, la nostra sincera ammirazione, per essere riusciti a portare fino in fondo un impegno nello studio davvero complesso e gravoso, tra sacrifici, privazioni nella socialità, limitazioni nelle possibilità di apprendere e fare esperienze”, ha affermato Bacchetta. “L’auspicio – conclude il sindaco - è che queste prove di fine ciclo scolastico, così importanti nella vita, possano svolgersi in serenità e con la meritata soddisfazione per gli allievi, ma anche per i dirigenti, gli insegnanti e tutto il resto del personale scolastico che con loro hanno sempre tenuto duro per tutelare il diritto allo studio e salvaguardare le opportunità di crescita indispensabili per i ragazzi”.   

________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri dati buoni, 7 guariti e nessun nuovo positivo, sotto quota 70 i tifernati contagiati. Vaccinazione fondamentale, a Città di Castello sono iniziate le somministrazioni sui 40enni.

 

“Quelli di ieri sono di nuovo dati buoni, perché a Città di Castello abbiamo avuto sette persone guarite e nessun nuovo positivo”. E’ quanto dichiara il sindaco Luciano Bacchetta, sottolineando come “l’andamento degli ultimissimi giorni rassicuri e induca ad essere fiduciosi, sapendo che non è ancora il tempo di abbassare la guardia, bensì di continuare a essere responsabili per noi stessi e per gli altri”. “Siamo sotto quota 70 per quanto riguarda i tifernati contagiati e questo ci deve dare la giusta consapevolezza che la situazione sta notevolmente migliorando”, ha osservato il primo cittadino, che ha puntualizzato: “purtroppo il Covid ci ha portato via un altro tifernate doc, monsignor Ivo Baldi Gaburri, vescovo della diocesi peruviana di Huari, un punto di riferimento  per gli ‘ultimi’ che anche a migliaia di chilometri di distanza è rimasto sempre legato alla nostra comunità, lasciando un grande esempio di amore per il prossimo”. “Eventi come questo richiamano la nostra attenzione sulla letalità del Covid e sulla necessità di non sottovalutarlo”, commenta Bacchetta, rimarcando “l’importanza di aderire alla campagna di vaccinazione, che è l’unica soluzione per liberarci dalla pandemia e recuperare libertà e serenità”. “A questo proposito – aggiunge il sindaco - abbiamo notizia che sono iniziate le somministrazioni ai quarantenni anche a Città di Castello, nei nostri due punti vaccinali, e speriamo agli importanti numeri delle ultime settimane venga data la continuità necessaria per arrivare a immunizzare la maggior parte possibile della comunità tifernate”.

____________________________________________________

Covid-19: anche il sindaco Bacchetta tra le 600 persone vaccinate oggi a Città di Castello, dove la media è di circa 4 mila somministrazioni alla settimana. "Doveroso tenere alta la guardia: ieri 9 nuovi positivi e 8 guariti".

 

C’era anche il sindaco Luciano Bacchetta tra le circa 600 persone vaccinate oggi a Città di Castello. Una media giornaliera ormai consolidata nei due punti vaccinali della palestra dell’Istituto Ippolito Salviani e del Cva di Trestina, dove sono circa 4 mila alla settimana le somministrazioni di sieri anti Covid-19. “Il segnale dell’accelerazione della campagna vaccinale che attendevamo a Città di Castello e in Altotevere”, ha commentato il primo cittadino all’uscita dalla palestra dell’istituto Salviani, dove ha incontrato, tra gli altri, il direttore del Distretto Alto Tevere dell’Usl Umbria 1 Daniela Felicioni e il dottor Giancarlo Martinelli, medico in pensione che presta la propria opera di volontario nel punto vaccinale. “La campagna vaccinale sta proseguendo in maniera davvero massiccia in questa fase, con dati molto alti, dopo una partenza complessa”, ha sottolineato Bacchetta, dando atto a tutto il comparto sanitario, in particolare a quello dei servizi territoriali, di un grande lavoro, con ammirevole impegno civile e sociale”. “Stamattina ho potuto constatare in prima persona che c’è una grande efficienza e sono contento delle scelte che abbiamo fatto per i nostri centri vaccinali, grazie anche all’intervento della Provincia di Perugia per la palestra del Salviani”, ha aggiunto il sindaco, sottolineando “l’adeguatezza degli spazi individuati, ma soprattutto la grande gentilezza e professionalità degli operatori delle nostre strutture sanitarie, che sono stati messi alla prova dalla disgrazia del Covid-19 e stanno rispondendo davvero molto bene”. Bacchetta ha quindi invittao tutti i tifernati a “continuare a tenere alta la guardia, perché i dati di ieri, con nove nuovi positivi e otto guariti, dimostrano che la circolazione del virus continua a essere ancora piuttosto intensa”Come presidente della Provincia di Perugia, Bacchetta ha quindi espresso soddisfazione per la campagna vaccinale finalizzata a rendere “Covid free” la Valnerina, da Norcia ad Arrone, che partirà martedì 8 giugno dal comune Poggiodomo. “Ci sarà un’autentica vaccinazione di massa, senza procedere per fasce d’età, che rappresenta un segnale importante per una zona che soffre per le grandi difficoltà seguite al terremoto”, ha puntualizzato Bacchetta, nel ringraziare il commissario straordinario regionale per l'emergenza coronavirus Massimo D'Angelo, il generale Saverio Pirro, il colonnello Marchi e il maggiore Magrini che stanno mettendo a punto i dettagli dell'operazione insieme a Gino Emili per la Provincia di Perugia. In occasione della vaccinazione, il sindaco Bacchetta ha fatto il punto della situazione locale con il direttore del Distretto comprensoriale dell’Usl Umbria 1 Felicioni. “In base alle dosi di vaccino che ci arrivano dal livello nazionale, stiamo vaccinando circa 300 persone al punto vaccinale del Salviani e circa 300 al Cva di Trestina, tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, dalle 8.30 fino alle 20.00”, ha spiegato la responsabile sanitaria, che ha evidenziato: “se i vaccini continueranno ad arrivare a questo ritmo, ne faremo anche più di 4 mila alla settimana, perché l’obiettivo è vaccinare tutte le persone che aderiscono alla campagna nel più breve tempo possibile”. “La campagna sta procedendo speditamente e devo ringraziare tutti gli operatori, i medici dipendenti del servizio, i medici messi a disposizione dalla Protezione Civile con contratti ad hoc, i medici dell’Usca e i medici volontari che ci stanno dando una grande mano”, ha detto Felicioni, aggiungendo la riconoscenza al sindaco Bacchetta per “averci dato l’opportunità di disporre di spazi veramente adeguati per la vaccinazione, nei quali gli operatori al lavoro, oltre alla professionalità, mettono anche una capacità di accogliere le persone che è veramente caratteristica delle comunità dell’Alta Valle del Tevere”. A testimoniare il clima ideale nel quale sta procedendo la campagna vaccinale è stato il dottor Martinelli. “Ci siamo trovati a lavorare in equipe miste, con medici, operatori sanitari, specializzandi, volontari e devo dire che in tutte le situazioni prevale un senso di grande unione e  collaborazione”.  “Si avverte in maniera davvero forte l’ideale di impegnarsi per il bene comune, per la comunità, uno spirito che è davvero bello da vedere nei giovani, ai quali questa esperienza servirà moltissimo in futuro”, ha rimarcato Martinelli.

___________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: “ieri due nuovi positivi e due guariti: numeri contenuti, ma non abbassiamo la guardia, il Covid-19 è imprevedibile”.

 

“Ieri abbiamo avuto due nuovi positivi e due persone guarite”. E’ quanto dichiara il sindaco Luciano Bacchetta, osservando che “negli ultimissimi giorni i numeri sembrano tornare su livelli rassicuranti, anche se il Covid-19 ci ha abituato a una imprevedibilità che non ci permette di dare nulla per scontato e soprattutto di abbassare la guardia”. “L’evoluzione recente della pandemia, con giorni nei quali abbiamo assistito a un rialzo inaspettato dei casi di positività, ci consiglia prudenza, nella consapevolezza che la fase di riaperture che stiamo attraversando sia opportuna, ma sia anche delicata e vada monitorata attentamente”, aggiunge il primo cittadino, rinnovando “l’invito a non sottovalutare la circolazione del virus e ad adottare i comportamenti necessari a proteggere se stessi e gli altri”. “Sappiamo che l’unica garanzia di poter tornare con serenità a una vita normale è affidata alla vaccinazione, che ci dicono potrà beneficiare di ulteriori dosi rispetto a quelle programmate e che speriamo possa pertanto procedere rapidamente a una immunizzazione di massa indispensabile”, ribadisce Bacchetta.

___________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: “ieri un nuovo positivo e due guariti”. Con l’assessore Carletti: “bene il ritorno dei visitatori nei musei cittadini: dal turismo spinta ancora più promettente nel post Covid-19”

 

“Ieri abbiamo avuto un nuovo caso di positività e due guarigioni”. Lo comunica il sindaco Luciano Bacchetta, evidenziando “la scarsa capacità indicativa di numeri molto contenuti, che risentono anche della giornata di festa”. “Con il Covid-19 la battaglia non è finita, lo testimonia il rialzo dei casi registrato recentemente, per cui l’invito continua a essere quello di riappropriarci con il necessario senso di responsabilità dei nuovi spazi di libertà che le riaperture di questi giorni hanno consentito nella frequentazione di bar e ristoranti, ma anche nella partecipazione agli eventi sportivi”, puntualizza il primo cittadino, ribadendo “l’aspettativa che nelle prossime settimane salgano in maniera consistente le percentuali di copertura vaccinale della popolazione”. “Accogliamo con piacere il ritorno dei visitatori a Città di Castello, sia italiani che stranieri, ai quali è ora possibile offrire l’accesso ai nostri tesori, dalla Pinacoteca comunale ai musei Burri, dal museo diocesano al campanile cilindrico, fino alla Tela Umbra e al museo Malakos”, sottolinea Bacchetta insieme all’assessore Riccardo Carletti, nell’auspicare che “la ripresa del turismo dia una spinta importante al rilancio dell’economia, come volano di sviluppo di una filiera che nel post-Covid 19 può essere ancora più promettente”.

Covid-19, sindaco Bacchetta: “ieri 6 nuovi positivi e 3 guariti: il virus circola ancora, serve cautela per non vanificare gli sforzi in vista delle nuove riaperture”.

 

“Ieri abbiamo avuto sei nuovi positivi al Covid-19 e tre persone guarite”. Lo rende noto il sindaco Luciano Bacchetta, sottolineando la continuità di “numeri che ci impongono la doverosa riflessione su una capacità di diffusione del virus che negli ultimi giorni si conferma di nuovo abbastanza intensa”. “I nuovi casi di positività sono ancora maggiori delle guarigioni e questo segna una controtendenza degna di attenzione, che dobbiamo guardare senza allarmismi, ma con la massima cautela, sapendo che è indispensabile proseguire nell’adozione di tutte le precauzioni con il massimo senso di responsabilità”, rimarca il primo cittadino. “E’ fondamentale accompagnare il recupero di spazi di normalità e libertà finora preclusi con la necessaria attenzione per evitare di vanificare gli sforzi che ci hanno permesso di arrivare fino a questo punto”, afferma Bacchetta, nel far riferimento al fatto che da domani, primo giugno, riapriranno i ristoranti al chiuso e gli eventi sportivi all'aperto potranno accogliere di nuovo gli spettatori in numero limitato. “Continuiamo a far affidamento sulla campagna di vaccinazione e sulla rapidità nella somministrazione dei sieri, in una fase clou nella quale è fondamentale che vengano coperte al più presto fasce di popolazione strategiche come quelle dei 60enni, dei 50enni e dei 40enni, nella prospettiva dell’imminente apertura delle prenotazioni al resto dei cittadini”, conclude Bacchetta.

_______________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: “ieri 12 nuovi positivi e un solo guarito: evidente che con il Covid-19 dobbiamo fare ancora i conti, serve la massima precauzione nella vita lavorativa e relazionale. Dal generale Figliuolo decisa spinta alla vaccinazione.

 

“La giornata di ieri, con 12 nuovi positivi e un solo guarito, ci riporta alla doverosa consapevolezza che con il Covid-19 dobbiamo ancora convivere e che è necessaria l’adozione di ogni precauzione nella vita lavorativa e relazionale”. E’ quanto dichiara il sindaco Luciano Bacchetta, registrando come “la situazione altalenante degli ultimi giorni renda certamente difficile sbilanciarsi in valutazioni sull’andamento della pandemia, ma soprattutto imponga una riflessione sul fatto che il contesto di riaperture e ritorno alla normalità che ci circonda non debba distrarci dal responsabile rispetto delle regole”. “E’ giusto continuare nel percorso di ripresa delle attività, perché i dati ci dicono che l’Umbria è vicina alla zona bianca in base all’incidenza del contagio, ma dobbiamo farlo con l’idea che saranno soprattutto i nostri comportamenti, non solo i provvedimenti delle autorità competenti, a guidarci alla piena e  duratura riconquista della libertà e della serenità”, sottolinea il primo cittadino, nel richiamare con particolare soddisfazione “due segnali importanti di ripartenza che caratterizzeranno il fine settimana: l’apertura da oggi della nostra piscina comunale esterna, che nel rispetto di tutte le disposizioni, riaccoglierà i concittadini che hanno sempre amato nuotare  e rilassarsi nell’impianto, e l’inaugurazione domani dello storico Rifugio Chalet Principe Corsini a Monte Nerone, tradizionale meta delle escursioni di tanti tifernati appassionati di sport, ambiente e turismo come l’indimenticabile amico Sergio Scarscelli, che insieme ad altri conterranei ha contribuito alla nascita e all’attività del rifugio, al quale ha continuato a dare impulso anche il figlio Roberto”. I legami di amicizia con il territorio di Monte Nerone saranno sottolineati dalla partecipazione al taglio del nastro dell’assessore al Commercio e Turismo Riccardo Carletti. Il sindaco prende infine spunto dalla visita di ieri del commissario straordinario per l’emergenza epidemiologica Covid-19 Francesco Paolo Figliuolo, per ribadire “l’auspicio che la campagna di vaccinazione permetta una rapida fuoriuscita dalla situazione di emergenza”. “La spinta venuta dal generale Figliuolo è certamente importante – riconosce Bacchetta - e lascia sperare che si possa procedere speditamente, contando su un quantitativo di dosi tale da proseguire nella strada intrapresa con maggiore vigore in Umbria nelle ultime settimane”.

________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri 2 nuovi positivi e 4 guariti: sono circa 60 i tifernati attualmente contagiati. Non sottovalutiamo la situazione, dobbiamo saper gestire adeguatamente la fase di ripartenza.

“Ieri a Città di Castello abbiamo avuto due nuovi positivi e quattro guariti”. E’ quanto comunica il sindaco Luciano Bacchetta nel prendere atto che “i numeri sono tornati in linea con l’andamento consolidato da oltre un mese, dopo l’improvvisa impennata di contagi di ieri”. “I tifernati attualmente positivi sono circa 60, una quota che merita attenzione, ma è molto rassicurante rispetto alle elevate soglie raggiunte in precedenza”, sottolinea il primo cittadino, nel ribadire “il necessario invito a non sottovalutare la situazione, continuando con fiducia, ma anche con la necessaria cautela, ad adottare i comportamenti responsabili che sono raccomandati per contenere la diffusione del Coronavirus”. “Ci troviamo in una fase di ripartenza che abbiamo atteso tanto e che dobbiamo saper gestire adeguatamente”, spiega Bacchetta, ricordando che “domani, dalla riapertura della piscina comunale esterna e del parco attrezzato circostante arriverà un bel segnale di ripresa dello sport, ma anche della socialità, nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza”. “Sono tappe importanti di recupero della normalità, alle quali l’amministrazione cercherà di aggiungere nelle prossime settimane l’organizzazione delle iniziative pubbliche compatibili con le disposizioni anti Covid-19”, sottolinea il sindaco. “Stiamo lavorando facendo affidamento sull’andamento della campagna di vaccinazione di massa, dalla quale arrivano finalmente i segnali del balzo in avanti che da tempo chiediamo per accelerare la copertura della popolazione residente”, conclude Bacchetta.

_________________________________________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri dieci guariti e un nuovo positivo: forbice ampia che consolida un trend favorevole. Dobbiamo però fare  appello alla cautela e a non abbassare la guardia: il virus circola ancora.

 

 

“Ieri a Città di Castello abbiamo avuto dieci persone guarite e un nuovo positivo al Covid-19”. Lo rende noto il sindaco Luciano Bacchetta, “prendendo atto di una forbice molto ampia tra guarigioni e casi di contagio che dà continuità a un trend consolidato, grazie al quale si è abbassato decisamente il numero dei tifernati attualmente positivi”. “In una fase favorevole come quella che stiamo attraversando da settimane, a Città di Castello come in Umbria e nel resto della Penisola, dobbiamo però mandare un doveroso messaggio di cautela, invitando a non abbassare la guardia e a continuare a rispettare tutte le prescrizioni, perché il virus circola ancora ed è imprevedibile”, puntualizza il primo cittadino. “Le importanti riaperture di questo periodo, frutto di una situazione finalmente confortante che prospetta per l’Umbria un imminente passaggio in zona bianca grazie al combinato disposto della minore incidenza dei contagi e dell’estensione della vaccinazione nella popolazione residente, ci portano finalmente verso un indispensabile ritorno alla normalità, che è fondamentale per la ripresa di interi settori della nostra comunità, dall’economia, alla cultura, allo sport”, sottolinea Bacchetta. “Tuttavia – prosegue il sindaco - dobbiamo essere consapevoli che finché la campagna vaccinale non avrà coperto in maniera più consistente fasce d’età per le quali è appena partita, è giusto mantenere un atteggiamento responsabile”.

_____________________________________________________________________________________________________

Covid-19, vice sindaco Secondi: ieri 2 guariti e nessun nuovo positivo. Vaccinazione fattore determinante, auspichiamo che i tifernati possano effettuarla nel proprio territorio. 

“Nella giornata di ieri a Città di Castello abbiamo avuto due persone guarite e nessun nuovo positivo”. A comunicarlo è il vice sindaco Luca Secondi, sottolineando “la stabilità dell’andamento della pandemia nel nostro territorio comunale, in linea con la tendenza nazionale che registra un costante calo dei contagi”. “La campagna di vaccinazione è certamente un fattore determinante dell’attuale situazione ed è per questo che l’auspicio continua ad essere che possa procedere in modo rapido”, osserva il vice sindaco, ribadendo “la sollecitazione ai soggetti preposti ad accelerare le operazioni e favorire la possibilità per i tifernati di sottoporsi alla somministrazione dei sieri nel proprio territorio, anziché in luoghi lontani, considerando che in Alta Valle del Tevere ci sono tre punti vaccinali”. “Ieri ci sono state ulteriori riaperture che hanno riguardato in particolare il mondo sportivo: sono un segnale importante sia nell’ottica della ripresa economica, che del ritorno alla normalità della nostra comunità”, evidenzia Secondi, formulando “l’augurio che tutte le attività possano tornare a pieno regime nel più breve tempo possibile e che l’estate sia l’ultima stagione segnata dalla pandemia”.

______________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri 4 nuovi positivi e 4 guariti: sono circa 60 i tifernati attualmente contagiati. L’allentamento delle  restrizioni non ha prodotto un’impennata della circolazione del virus, i tifernati hanno mostrato senso di responsabilità. 

“I dati della giornata di ieri ci parlano di quattro nuovi postivi e di quattro guariti, numeri sempre piuttosto contenuti che rispecchiano la rapida decrescita della circolazione del virus anche a Città di Castello, dove attualmente sono circa 60 i contagiati”. Lo dichiara il sindaco Luciano Bacchetta nell’osservare che “stando ai numeri che abbiamo a disposizione, l’allentamento delle misure restrittive non ha prodotto una impennata di nuove positività”. “Ci sono comunque ancora alcuni concittadini ricoverati in ospedale e a loro facciamo gli auguri di pronta guarigione”, aggiunge il primo cittadino. “Il grande senso di responsabilità che vediamo nei tifernati, al di là di qualche eccezione, ha accompagnato al meglio le riaperture che ci sono state in questo periodo, ma continuiamo a fare appello alla prudenza”, puntualizza Bacchetta, che prosegue: “ci dicono che per agosto ci potremo liberare delle mascherine e speriamo davvero che ciò accada e di ricordare questo periodo come una fase lontana della nostra vita”. “Continuiamo a seguire le prescrizioni e a indossare le mascherine, con la consapevolezza che il traguardo sembra essere molto vicino”, sottolinea il sindaco, facendo riferimento al fatto che “la campagna di vaccinazione sembra procedere finalmente in maniera adeguata, con la somministrazione ora ai 60-69enni per poi passare alle altre categorie che si stanno prenotando, e la speranza di tutti è che i sieri vengano inoculati nel minor tempo possibile”.

___________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri 2 nuovi positivi e 6 guariti. Entro l’estate saranno effettuati i lavori di rifacimento delle strade e dei parcheggi dell’ospedale, mentre quanto prima riprenderanno tutte le attività sanitarie ordinarie.

 

 

Ieri abbiamo avuto un numero molto basso di nuovi positivi, due, e sei persone guarite”. Lo rende noto il sindaco Luciano Bacchetta, prendendo atto “di una curva discendente che continua nel proprio andamento anche a Città di Castello e che speriamo porterà molto presto l’Umbria in zona bianca”. “L’auspicio è che il combinato disposto tra avanzamento della campagna di vaccinazione, che è finalmente iniziata anche per i 60-69enni, e minore aggressività del Covid-19 consenta una nuova fase di ripartenza della vita quotidiana, delle attività, delle iniziative pubbliche, della cultura e dello sport”, commenta il primo cittadino. “Dall’Usl Umbria 1, in particolare dal responsabile dell’ufficio tecnico Maurizio Rapaioli che ringraziamo, ci giunge notizia che entro l’estate, probabilmente già a luglio, partiranno i lavori di rifacimento delle strade e dei parcheggi interni dell’ospedale di Città di Castello, che sono di proprietà dell’azienda sanitaria e non del Comune come tutti sanno”, annuncia Bacchetta, nel ricordare come “l’amministrazione comunale abbia più volte sollecitato l’effettuazione di questo intervento considerando la centralità del nosocomio tifernate, che è stata ulteriormente sottolineata nella gestione della pandemia”. In merito all’ospedale, il sindaco anticipa che “ripartiranno sempre di più anche le attività sanitarie ordinarie, vista la minore congestione dovuta alla presenza di malati di Covid nella struttura”. “Ci sono giunte indicazioni che quanto prima i servizi riprenderanno nella maniera più estesa e diffusa, perché purtroppo anche le altre malattie corrono e non sono scomparse nell’anno e mezzo circa di emergenza che stiamo vivendo”, conclude Bacchetta.

_____________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: “ieri dati molto buoni, 13 guariti e cinque nuovi positivi: sono circa 70 i tifernati attualmente contagiati”. “Siamo al lavoro per iniziative che, nel rispetto delle regole, saranno importanti per la ripartenza della città”.

 

 

“I dati di ieri sono molto buoni, perché abbiamo avuto 13 persone guarite e cinque nuovi postivi”. E’ quanto dichiara il sindaco Luciano Bacchetta, aggiungendo che “sono una settantina in tutto i tifernati attualmente positivi, nessuno dei quali pare essere in condizioni difficili dal punto di vista sanitario, per cui davvero c’è stato un abbattimento molto consistente dei casi di contagio a Città di Castello”. “Si va verso una costante e graduale ripresa di attività e di iniziative, anche ricreative, che è importante avvenga nella massima sicurezza”, sottolinea il primo cittadino, facendo presente che “la stessa amministrazione comunale stia lavorando ad alcuni eventi che, sempre nel pieno rispetto delle regole, saranno significativi per la ripartenza della città”. “A farci ben sperare per il futuro è il combinato disposto tra somministrazione di massa dei vaccini e riduzione della curva del contagio”, chiarisce Bacchetta, nel prendere atto con soddisfazione che “la campagna vaccinale sia finalmente partita anche per le fasce d’età che finora non erano state coinvolte”.   

_________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri 2 nuovi positivi e 5 guariti. Decisiva la vaccinazione: aspetto il mio turno dopo la governatrice Tesei, fondamentale recuperare terreno nella fascia 60-69 anni dove l’Umbria è ultima nel centro Italia.

 

 

“Nella giornata di ieri a Città di Castello abbiamo avuto due nuovi positivi al Covid-19 e cinque guariti”. Ne dà notizia il sindaco Luciano Bacchetta, evidenziando “come i numeri siano tornati di nuovo contenuti dal punto di vista dei casi di contagio, nel solco di un andamento confortante della pandemia”. “Come abbiamo visto negli ultimi giorni ogni valutazione deve essere prudente, perché il Covid è imprevedibile e continua ad avere una certa diffusione, specialmente all’interno dei nuclei familiari, ma il trend attuale contribuisce ad abbassare significativamente il totale dei tifernati contagiati, grazie anche alle molte guarigioni che continuiamo a registrare”, osserva il primo cittadino. “L’allentamento delle misure di contenimento della circolazione del virus verso cui stiamo andando deve andare ancora di pari passo con il massimo rispetto delle precauzioni”, ribadisce Bacchetta, invitando i tifernati, soprattutto i giovani, “ad adottare comportamenti responsabili”. “La partita decisiva si giocherà sulla vaccinazione e sul rispetto dei tempi programmati”, chiarisce il sindaco, nel prendere atto con soddisfazione dell’avvio delle preadesioni per i 50-59enni e dell’inizio della somministrazione dei sieri nei 60-69enni. “Leggo con piacere che tra i primi a essere chiamati ci sia stata la governatrice Donatella Tesei e aspetto con fiducia il mio turno”, commenta Bacchetta, sottolineando “la necessità di recuperare terreno in Umbria in una fascia della popolazione molto ampia e a rischio come quella dei 60enni, nella quale siamo ultimi per vaccinazioni tra le regioni del centro Italia, mentre i dati che riguardano i cittadini più anziani sono sopra la media e questo è sicuramente importante”.

___________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri 14 guariti, ma ben 11 nuovi positivi. Serve prudenza, il Covid-19 è ancora tra noi. Fondamentale che la vaccinazione proceda spedita e i tifernati possano farla nei due centri vaccinali della città.

 

 

“I dati della giornata di ieri registrano una piccola impennata, sia dei guariti, 14, che delle nuove positività, ben 11”. Lo comunica il sindaco Luciano Bacchetta, osservando che “le previsioni sul virus, come abbiamo sempre detto, sono evidentemente complicate”. “Anche se continua il trend favorevole che quotidianamente vede il numero dei guariti superiore ai nuovi contagi, il dato delle nuove positività emerso ieri non è insignificante e testimonia che la circolazione del virus continua a essere importante, coinvolgendo soprattutto interi nuclei familiari con genitori spesso molto giovani e bambini piccoli”, sottolinea il primo cittadino, invitando a “continuare a essere prudenti, perché il Covid-19, con le sue varianti, è ancora tra noi”. “Le riaperture prospettate, in particolare lo spostamento di un’ora del coprifuoco dalle 22.00 alle 23.00, vanno accolte favorevolmente, sono un rischio calcolato, come viene detto ai livelli istituzionali nazionali più alti, che deve essere affrontato con la massima attenzione e nel rispetto delle precazioni, sapendo che contatti ravvicinati e assembramenti possono rendere più incisiva la circolazione del virus”, ha commentato Bacchetta, che ha puntualizzato: “è fondamentale che la campagna di vaccinazione prosegua, si espanda e si rafforzi”. “Finalmente sono state aperte le prenotazioni per i 60-69enni, fascia sulla quale l’Umbria era molto indietro rispetto alle altre regioni, mentre in assoluto i numeri calcolati sull’intera popolazione non sono negativi”, ha sostenuto il sindaco, auspicando che “la somministrazione dei vaccini proceda spedita, perché parliamo di una porzione di cittadini molto numerosa e anche a rischio”. “Anche io mi sono prenotato e resto in attesa fiduciosa di essere convocato”, ha puntualizzato Bacchetta, ribadendo l’aspettativa che “sia possibile a tutti i tifernati vaccinarsi nella propria città, che ha due punti per l’inoculazione dei sieri, perché doverlo fare altrove sarebbe paradossale e beffardo”.

___________________________________________________________________________________

Covid-19, vice sindaco Secondi: ieri una guarigione e nessun nuovo positivo: andamento stabile, ma non abbassiamo la guardia. Bene l’avvio delle prenotazioni per i 60-69enni, auspichiamo che i nostri concittadini possano vaccinarsi nel proprio territorio.

“Nella giornata di ieri abbiamo avuto una guarigione e nessun nuovo positivo al Covid-19”. A riferirlo è il vice sindaco Luca Secondi, nel ribadire come “ si confermi un andamento stabile della pandemia, che però non deve indurre ad abbassare la guardia”. “Tutte le accortezze e le precauzioni vanno mantenute, perché non deve mai mancare il contributo che ognuno di noi può dare con un comportamento responsabile”, sottolinea Secondi, aggiungendo: “la campagna di vaccinazione sarà poi chiamata fare il resto nel percorso di ritorno alla normalità”. Nel prendere atto che “Regione e Usl Umbria 1 hanno aperto le vaccinazioni per i 60-69enni”, il vice sindaco auspica che “la somministrazione dei sieri sia più rapida possibile e venga organizzata in modo tale da permettere ai tifernati e agli altotiberini di poter usufruire dei tanti centri vaccinali del comprensorio”. “Spiace infatti registrare il fatto che i nostri concittadini debbano recarsi in  territori lontani e comunque non limitrofi per vaccinarsi”, chiarisce Secondi. “Come amministrazione comunale stiamo cercando di accompagnare le famiglie attraverso l’offerta di servizi – sottolinea il vice sindaco - in questo momento con la programmazione dei centri estivi sportivi e di quelli per l’infanzia, dietro, in quest’ultimo caso, alla risposta favorevole del 90 per cento dei genitori dei bambini dei nidi comunali al sondaggio finalizzato a conoscere l’interesse degli utenti”. Secondi dà quindi conto dei provvedimenti decisi dal Governo in tema di riaperture e modifiche delle restrizioni per il contenimento dell’emergenza da Covid-19, a partire dal posticipo del coprifuoco dalle ore 22.00 alle ore 23.00 che scatta a partire da oggi, con l’allungamento alle 24.00 dal 7 giugno e la completa rimozione dal 21 giugno, segnalando la riapertura dei centri commerciali nel fine settimana dal 22 maggio; delle palestre dal 24 maggio; dei locali al chiuso di bar e ristoranti dal primo giugno, contestualmente alla ritorno degli spettatori negli eventi sportivi all’aperto; la ripresa delle feste di matrimonio, con alcune specifiche restrizioni, delle fiere e dell’attività dei parchi tematici dal 15 giugno; la riapertura dal primo luglio delle piscine al chiuso, dei centri termali, dei centri ricreativi e sociali, dei corsi di formazione pubblici e privati, delle competizioni sportive al chiuso al pubblico. “Le riaperture sono ossigeno fondamentale per l’economia, soprattutto per gli operatori finora più penalizzati dalle restrizioni, per cui l’auspicio è che possano essere ottimi viatici per la ripresa collettiva”, conclude Secondi.

__________________________________________________________________________________________________________________________

 

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri una nuova positività e una guarigione: siamo nettamente sotto quota 100 contagiati. Finalmente saranno ridotte le restrizioni: invito i giovani ad assaporare la libertà nel modo più saggio. Umbria è terzultima per la vaccinazione dei 60-69enni: qualcuno ne dovrà rispondere.

 

“I dati di ieri sono molto tranquillizzanti, perché registriamo una nuova positività e una guarigione”. Ne dà notizia il sindaco Luciano Bacchetta, ribadendo come “ormai i casi di contagio a Città di Castello siano nettamente sotto quota 100 e la situazione sia molto migliorata”. “Finalmente – ha osservato il primo cittadino – si parla in maniera significativa di riaperture: molto presto verrà rimosso l’orario delle 22.00 per il coprifuoco, i centri commerciali riapriranno anche di domenica, verranno superate le norme restrittive alle quali dobbiamo soggiacere ancora oggi”. “Tutto questo però andrà abbinato alla necessaria e indispensabile prudenza”, ha ammonito Bacchetta, che ha aggiunto: “mi rendo conto che un anno e mezzo di restrizioni sono pesanti, ma invito i giovani e giovanissimi ad assaporare la libertà che sta tornando nel modo più saggio possibile”. Il sindaco ritorna sulla situazione della campagna di vaccinazione facendo presente di “essersi prenotato in mattinata per la somministrazione del siero anti Covid-19”. “Rientrando nella fascia di età 60-69 ho fatto domanda e finalmente è stata accolta, vediamo dove e quando verrà fissata la vaccinazione”, ha sottolineato Bacchetta, che ha concluso facendo riferimento alle notizie di stampa odierne: “l’Umbria è terzultima nella vaccinazione dei 60-69enni, crediamo che qualcuno ne dovrà rispondere”.

_________________________________________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri 3 nuovi positivi, ma ben 17 guariti, siamo sotto quota 100 tifernati contagiati. Soddisfatti dell’apertura delle prenotazioni per la vaccinazione dei 60-69enni da lunedì 17 maggio. Orgogliosi dei complimenti del direttore regionale Braganti. 

“Nella giornata di ieri a Città di Castello abbiamo avuto tre nuovi positivi e ben 17 guariti”. E’ quanto dichiara il sindaco Luciano Bacchetta, parlando di “un ottimo segnale, in linea con l’andamento delle ultime settimane, che ci permette di scendere sotto la soglia dei 100 tifernati attualmente positivi al Covid-19”. “Siamo al cospetto di una discesa della curva del contagio, evidente e rassicurante, anche se bisogna sempre essere cauti nelle valutazioni che riguardano la pandemia”, sottolinea il primo cittadino. “Abbiamo letto con piacere che la Regione ha comunicato per lunedì 17 maggio l’avvio delle prenotazioni per la vaccinazione dei cittadini con età compresa tra 60 e 69 anni attraverso il portale vaccinocovid.regione.umbria.it”, ha affermato Bacchetta, commentando: “è una bella notizia, siamo molto soddisfatti di questo risultato, c’è stata una risposta immediata alla segnalazione doverosa che avevamo fatto l’altro ieri, non certo per fare polemica ma per sottolineare l’aspetto un po’ triste della migrazione dei tifernati in Toscana per la vaccinazione”. Il sindaco ha colto l’occasione per rimarcare che “chi ricopre un ruolo istituzionale come il sottoscritto non può certo andare fuori regione, né girovagare per i vari siti internet alla ricerca di luoghi dove vaccinarsi, perché abbiamo il dovere morale di sottoporci alla inoculazione dei sieri nel nostro territorio, mettendosi in fila e aspettando il nostro turno, senza favoritismi, privilegi, fughe in avanti”. “E’ questa la scelta che ho fatto io, nella convinzione che quando si esercitano cariche pubbliche sia necessario attenersi rigorosamente alle regole”, ha aggiunto Bacchetta. Il primo cittadino ha quindi manifestato “soddisfazione e orgoglio per i complimenti espressi dal direttore regionale salute e welfare, Massimo Braganti, nella visita al punto vaccinale della palestra dell’istituto Salviani”. “I nostri operatori sanitari, sia quelli impiegati nella palestra del Salviani, che quelli impegnati presso il Cva di Trestina – ha detto Bacchetta - stanno svolgendo un lavoro egregio, con grande abnegazione e spirito di servizio”.  

_______________________________________________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri 9guariti e un solo nuovo positivo. Doveroso procedere a ulteriori riaperture, ma il ritorno alla libertà coincida con un grande senso di responsabilità. Giusto che i centri commerciali possano riaprire nei fine settimana. 

 

 

“I dati di ieri ci parlano di nove persone guarite e di un solo nuovo positivo”. E’ quanto dichiara il sindaco Luciano Bacchetta, riferendo che “sono scesi a poco più di 100 i casi di tifernati attualmente contagiati”. “Il dato consolidato della forte diminuzione dei postivi nel nostro Paese legittima ora una politica di riaperture, che, con la prudenza necessaria e nel rispetto delle norme anti Covid, possa dare continuità a quelle già avvenute finora con nuovi provvedimenti”, osserva il primo cittadino, evidenziando l’esigenza di “farsi trovare preparati, per fare in modo che questo ritorno alla libertà coincida anche con un grande senso di responsabilità e con un grande rispetto delle norme”. “E chiaro infatti – ha spiegato Bacchetta – che le riaperture presuppongono alcuni inevitabili rischi di contagio e quindi dovremo stare molto attenti”. In questo contesto il sindaco ha ribadito di ritenere “giusto che i centri commerciali possano riaprire nei fine settimana, nel massimo rispetto delle prescrizioni a garanzia della sicurezza”. “Credo sia doveroso accogliere le richieste di questi operatori, perché l’economia deve ripartire e le persone devono poter lavorare per guardare al futuro con la speranza di un ritorno alla normalità”, ha aggiunto Bacchetta, che ha concluso: “questa fase di rilancio e di ripresa andrà gestita con molta prudenza, ma andrà necessariamente affrontata, visto che i dati ci dicono che c’è un calo delle positività consistente e la campagna di vaccinazione, quando procederà come deve, farà il resto”. “Finalmente – ha rimarcato il sindaco – vediamo la luce all’orizzonte”.  

________________________________________________________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: Ieri 3 guariti e 2 nuovi positivi. Sconcerta che persone di Città di Castello si siano vaccinate in Toscana, perché in Umbria non è ancora partita la somministrazione dei sieri ai 60-69enni: ci appelliamo alla Regione perché la situazione si risolva.  

“I dati di ieri ci parlano di tre guariti e di due nuovi positivi”. E’ quanto rende noto il sindaco Luciano Bacchetta, nel ribadire che “a Città di Castello il numero complessivo dei positivi continua a decrescere in maniera considerevole e si attesta attualmente sotto quota 120 casi, rispetto agli oltre 500 di alcune settimane fa”. Il primo cittadino torna di nuovo sull’andamento della campagna di vaccinazione per dare conto del fatto che, “mentre in Italia si parla di iniziare a coinvolgere i 40enni, in Umbria non risulta essere neanche partita la somministrazione dei sieri anti Covid-19 alla fascia di età 60-69 anni, che attualmente nemmeno si possono prenotare”. “Desta per questo sconcerto e sa di beffa il fatto che alcune persone di Città di Castello mi abbiano segnalato di aver effettuato il vaccino in terra toscana, nella vicina Sansepolcro e in altre città limitrofe al confine con l’Umbria, perché sembra che vi siano dosi in quantità superiore al fabbisogno attuale dei residenti in quei territori”, sottolinea Bacchetta, nel rivolgere “un ulteriore appello alla Regione Umbria perché questa situazione della vaccinazione si risolva”. “La nostra solidarietà – prosegue il sindaco - va agli operatori sanitari che con grande abnegazione lavorano nei centri vaccinali della nostra città, pronti a offrire la loro prestazione professionale, ma in ovvia e incolpevole difficoltà se mancano i sieri”.

_________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: Ieri otto guariti e cinque nuovi positivI. Fondamentale avviare la vaccinazione dei 60-69enni e dei 50enni, ma anche dare segnali per la ripresa dell’economia, come la riapertura dei centri commerciali nei giorni festivi. 

“Nella giornata di ieri abbiamo avuto otto guariti e cinque nuovi positivi”. Lo ha reso noto stamattina il sindaco Luciano Bacchetta, rilevando la “continuità di un trend consolidato, grazie al quale c’è stata una grande diminuzione del numero complessivo dei tifernati positivi, ora poco più di 100, sempre troppi, ma molti meno dei circa 500 di qualche tempo fa”. “Possiamo guardare al futuro con rinnovato ottimismo, perché sembra che la forza espansiva del virus si stia lentamente attenuando, anche se dobbiamo avere sempre la consapevolezza che le previsioni sono difficili e bisogna continuare ad adottare ogni precauzione per il contenimento della pandemia”. “In questo momento auspichiamo che la campagna di vaccinazione possa avere una sempre maggiore diffusione e possano iniziare quanto prima le operazioni di somministrazione dei sieri ai cittadini della fascia di età 60-69 anni, per poter poi coinvolgere anche i cinquantenni”, ha ripetuto Bacchetta, aggiungendo: “parliamo di una fetta di popolazione molto numerosa ed è molto importante che quanto annunciato venga realizzato presto, nell’interesse di tutti”. “Nella situazione attuale – ha aggiunto il sindaco - riteniamo che sia importante dare anche segnali come la riapertura dei centri commerciali durante le festività, perché nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, tutte le attività debbono essere messe in condizione di ripartire, in modo da sostenere l’economia e l’occupazione”. Il primo cittadino ha quindi dato notizia che anche i dipendenti del Comune di Città di Castello hanno osservato alle ore 12.00 un minuto di raccoglimento per le vittime degli incidenti sul lavoro, aderendo all’iniziativa promossa da Cgil, Cisl e Uil attraverso le rispettive rappresentanze della funzione pubblica. “La tragedia di Gubbio ha colpito opinione pubblica e istituzioni, riportando d’attualità la piaga delle morti sul lavoro, che è purtroppo una costante in Italia e non è degna di un Paese civile, per cui è giusto e doveroso che ci sia l’impegno di tutti affinché questo  drammatico e tristissimo fenomeno venga contrastato con le soluzioni più idonee”, ha affermato Bacchetta, definendo “un segnale davvero importante il confronto di ieri tra il prefetto di Perugia Armando Gradone e le organizzazioni sindacali”.

________________________________________________________________________

Covid-19, vice sindaco Secondi: Ieri un nuovo positivo e un guarito: situazione stabile. Ribadiamo l’invito a Regione e Usl 1 a velocizzare la vaccinazione dei cittadini della fascia di età 60-69 anni

“Ieri abbiamo avuto un nuovo caso di positività al Covid-19 e una persona guarita”. Ne dà notizia il vice sindaco Luca Secondi, osservando come “la stabilità dei dati faccia sperare che la situazione della pandemia possa normalizzarsi quanto prima anche nel nostro territorio”. “In quest’ottica – puntualizza Secondi – ribadiamo l’invito alla Regione e all’Usl Umbria 1 a fare in modo che la vaccinazione possa essere velocizzata per i cittadini della fascia di età 60-69 anni, considerando che è un fattore determinante proprio per il ritorno alla normalità che tutti attendiamo”. Il vice sindaco ha confermato che “l’amministrazione comunale è al lavoro per l’apertura dei centri estivi sportivi di Polisport presso gli impianti di Belvedere per andare incontro alle esigenze delle famiglie, che anche l’anno scorso hanno mostrato un alto gradimento per questa opportunità”. “L’auspicio è che tutte le attività, a partire da quelle economiche, possano tornare presto alla piena operatività con un graduale allentamento delle prescrizioni, che, da un lato rispecchierebbe il miglioramento della situazione dell’emergenza da Covid-19, e, dall’altro, rappresenterebbe una boccata di ossigeno fondamentale per l’intera comunità tifernate”, sottolinea Secondi.

________________________________________________________________________________________________________________________

Covid-19, sindaco Bacchetta: ieri sei guariti e cinque nuovi positivi. Vaccinazione partita decisiva: bene l’avvio della somministrazione agli over 50, ma prima si completi la copertura della fascia di popolazione dei 60enni”.

“I dati della giornata di ieri ci parlano di sei persone guarite e di cinque nuovi positivi al Covid-19”. E’ quanto rende noto il sindaco Luciano Bacchetta, osservando come “i numeri piuttosto contenuti facciano ben sperare”. “La partita decisiva è ovviamente sulla vaccinazione, in merito alla quale ci

 


CittàdiCastelloNotizie- Agenzia stampa del Comune di Città di Castello
Condividi