Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati

Notizie dal Comune

I SERVIZI DELLA PRIMA INFANZIA DI CITTA' DI CASTELLO NEL 2020. IL BILANCIO DELL'ASSESSORE CESTINI
Nidi d\'infanzia
08.01.2021 -
 
Molto intensa l’attività dei servizi per la prima infanzia del comune di Città di Castello, “gli unici a rimanere aperti anche nell’Italia a zone con tutte le difficoltà del caso ma in regola con  protocolli di sicurezza e misure preventive” dichiara l’assessore ai Servizi educativi Rossella Cestini, ricordando che “la rete dei nidi è un servizio di avanguardia che dà risposte a 145 famiglie con una lista di attesa complessiva di circa 12 bambini”. L’adeguamento alle indicazioni ministeriali anti-Covid ha determinato una riorganizzazione degli spazi e conseguentemente dei gruppi che sono stati, in alcuni nidi, ridotti; ciò, in termini numerici ha prodotto una riduzione complessiva dei posti  disponibili pari a 16. Anche l’articolazione degli orari risponde alle esigenze delle famiglie: Coccinella e Delfino sono aperti dalle 7.30 alle 17.00, il Franchetti dalle 7.30 alle 16.30, Fiocco di Neve a Trestina fino alle 18.15. Anche il centro per bambini L’Arca è stato ridotto di 8 posti praticamente dimezzato e ricollocato provvisoriamente presso la sede di Vittorio Emanuele Orlando. Il Centro per Bambini e famiglie La Casa azzurra non è stato possibile riattivarlo a settembre  per problemi di sicurezza legati alle normative anti-Covid.  Rette invariate e le riduzioni introdotte dal nuovo Regolamento. Nel rispetto delle indicazioni ministeriali che invitano al rispetto dei tempi di erogazione dei servizi, nel 2020 il funzionamento degli stessi è stato garantito da 45 educatrici di cui 11 a tempo determinato. “Abbiamo lavorato molto su edilizia ed ambienti e sulla formazione” aggiunge la Cestini, in particolare con L’adeguamento delle strutture alle misure di sicurezza anti contagio con la realizzazione di percorsi specifici per l’accesso ai servizi igienici con collocazione nelle stanze di passaggio  di barriere di suddivisione dai corridoi, dotazione di fasciatoi ad uso esclusivo dei gruppi, realizzazione di nuove stanze, adeguamento dei spogliatoi per il personale, adeguamento locale destinato a stanza grigia, due gazebi per ogni struttura educativa, atti a consentire la procedura di triage  per l’accesso in sicurezza dei bambini e dei lavoratori. I gazebo, in un nido in particolare, sono diventati area di attività ludico-ricreative e spazi aggiuntivi per proposte educative esterne.  La suddivisione area esterna in zone di gioco distinte e separate per ogni mini-sezione. C ‘è stato poi il completamento del servizio igienico per uso esclusivo del personale addetto alla della La Coccinella e ristrutturazione del servizio igienico per bambini, area lattanti. Al Nido Fiocco di Neve, la posa in opera di un ulteriore vaschetta per servizio igienico ad uso esclusivo di una minisezione. IL Covid ha accelerato l’acquisto di culle sanificabili a terra, materassini e sacchi a pelo, per garantire il riposo ai bambini di gruppi che hanno  uso esclusivo di stanza polivalente. Sul fronte dei servizi è stato ampliato l’orario del  nido d’infanzia di Trestina a seguito della sperimentazione del Progetto NIDI APERTI frequentata da sette bambini. Il progetto Da Lontano ci abbracciamo ha accompagnato il periodo di chiusura dei servizi educativi durante il lockdown, mantenendo legami educativi a distanza con le famiglie attraverso l’invio settimanale di proposte educative ai genitori”. “Il Covid non ci ha distolto dalla formazione, che rimane un pilastro della qualità del servizio” conclude la Cestini: “E’ stato organizzato con la collaborazione di Villa Umbra l’evento per la ricorrenza dei 40 anni dei servizi educativi comunali, abbiamo partecipato all’iniziativa formativa di  A.N.C.I. “Dialoghi di vicinanza” sullo 0-6. Nel 2020  abbiamo rilasciato 5 autorizzazioni per nidi d’infanzia e sezioni primavera. L’Emergenza sanitaria ci ha spinto alla costituzione del Comitato Covid con rappresentanze genitoriali, dei lavoratori, della sicurezza, di referenti sanitari e sindacali per la condivisione del Protocollo per la riapertura in presenza dei servizi educativi con lo scopo di condividere le straordinarie procedure di sicurezza e modificarle in itinere in caso di necessità”.
CDCNOT/21/01/07/COMINLINEA/15/SSC
 
 
 


Condividi